Verso Barcellona: Lorenzo come Rainey 20 anni fa?

Posted by Alberto Cani | Posted in Blog | Posted on 22-05-2012

4

La locandina del Gp d'Europa del 1992, corso al Montmelò

Ci avviciniamo al Gran Premio di Catalogna, seconda di ben quattro tappe spagnole in calendario, ed è curioso notare come vent’anni esatti fa, al Montmelò, si sia disputata una delle gare più combattute tra i due sfidanti dell’epoca, Rainey su Yamaha e Doohan su Honda: una sfida per certi versi simile a quella che stiamo vivendo oggi tra Lorenzo e Stoner.

Nel “Gran Premio Super Nintendo de Europa” del 31 maggio 1992, corso alla vigilia delle Olimpiadi, che in quell’anno si tenevano proprio a Barcellona, la spuntò Rainey in volata su Doohan per soli 57 millesimi dopo una bella battaglia durata tutto l’ultimo giro. Se la pioggia rimarrà finalmente lontana dal weekend di gara, tutto lascia pensare a un’altra sfida serratissima, sempre Yamaha contro Honda, questa volta però tra Lorenzo e Stoner, che dopo 4 round sono in parità sul 2 a 2.

Dal 1992 ad oggi il Motomondiale ha cambiato volto: le moto soprattutto, così come le livree (era l’epoca delle moto travestite da veri e propri pacchetti di sigarette: a sfidarsi erano la Marlboro-Yamaha, la Rothmans-Honda e la Lucky Strike-Suzuki, giusto per citare le più famose). Oggi lo spettacolo spesso latita, ma la battaglia Lorenzo-Stoner è più che mai aperta, e chissà che Barcellona non riesca a regalarci finalmente una sfida basata non soltanto sui giri veloci, ma anche con qualche corpo a corpo.

Nel ’92 Rainey e Doohan (l’americano esultò prima tagliare la linea del traguardo, prendendosi anche qualche rischio visto il distacco esiguo dall’australiano) fecero il vuoto alle loro spalle, con il terzo classificato, Doug Chandler su Suzuki, a quasi 15 secondi. Lorenzo e Stoner faranno lo stesso? Oppure c’è da aspettarsi qualche outsider?

Montmelò 1992: Rainey primo sul traguardo. Doohan è a 57 millesimi

Gli argomenti non mancano di certo: da Rossi, impegnato in questi giorni nei test del Mugello e galvanizzato dalla prestazione di Le Mans, ci si attende un miglioramento anche sull’asciutto; Pedrosa dovrà provare a vincere per non lasciar fuggire nel mondiale Jorge e Casey; Spies dovrà assolutamente carburate dopo un avvio da… diesel che ha stupito tutti: l’anno scorso diede una svolta alla sua stagione proprio a Barcellona, ottenendo il primo podio dell’anno con il terzo posto. La speranza è che Ben possa ripetersi quest’anno e tornare ad inserirsi ai piani alti. Tutto ciò, senza dimenticare la coppia del team Tech3, che ha sempre il podio nel mirino, e chissà che questa volta il nostro Dovi o Crutchlow non possano rappresentare la sorpresa del weekend.

Tornando alla lotta per il titolo, Lorenzo (che può vantare già 8 punti di margine su Stoner, frutto di due secondi posti contro i due terzi posti del canguro) imitando Rainey potrebbe staccare Casey di altri 5 punti, salendo a +13. Un gruzzolo già abbastanza importante in vista del consueto tour de force estivo, che prevede 6 Gran Premi in meno di due mesi. Tredici punticini possono anche sembrare pochi, ma va detto che Rainey a fine stagione, vent’anni fa, vinse di sole 4 lunghezze su Doohan…