In Australia Hayden autore del pit-stop più veloce. Seguono Pedrosa e… Scassa!

Posted by Alberto Cani | Posted in Blog | Posted on 20-10-2013

2

Pur con qualche problemino di troppo, il primo pit-stop “asciutto” nella storia della MotoGp ha introdotto una variabile interessante nello scenario di un Gran Premio. Per la prima volta, piloti e team hanno dovuto fare i conti con il cronometro anche nella corsia box, situazione verificatasi soltanto poche altre volte in occasione di gare “flag to flag”, dove però – considerate le mutevoli condizioni della pista – non è mai stato possibile fare una vera classifica dei pit-stop più veloci.

In questo caso, invece, pur non conoscendo il tempo effettivo impiegato per percorrere l’esatta lunghezza della pit lane, tratto all’interno del quale è avvenuto il cambio moto, può essere ricavato un dato molto simile e stilare una classifica dei piloti risultati più veloci a rientrare, cambiare moto e ripartire dai box. È infatti sufficiente calcolare il tempo impiegato per percorrere l’ultimo settore del giro di rientro (T4), che comprende tutta la corsia di rientro box, e il primo settore del giro di ripartenza (T1), che include tutto il resto della pit lane con tanto di cambio moto e ripartenza. Così facendo, oltre alla pit lane sono comprese un paio di curve del giro precedente e di quello successivo, ma in occasione del pit-stop la parte del leone la fa indubbiamente la corsia box, quindi per essere veloci occorre essere efficaci nell’ingresso prima di inserire il limitatore, “saltare” rapidamente sulla seconda moto e ripartire come un fulmine.

Questa speciale classifica è stata vinta da Hayden, a cui evidentemente hanno giovato le prove di cambio moto effettuate al mattino. L’americano della Ducati ha impiegato 1’37”188 in totale, staccando di poco più di due decimi Dani Pedrosa, che ha siglato il miglior tempo di ingresso ai box, anche grazie ad un’entrata un po’ troppo garibaldina, difatti poi punita (anche se in maniera discutibile) per eccessiva velocità oltre la linea di inizio dello “speed limit”. Nicky, insomma, ha gradito molto questa formula con sosta obbligatoria, tanto che su Twitter l’ha definita “eccitante”.

Al terzo posto compare la sorpresa più grande: Luca Scassa, con la ART lasciata libera da Abraham, è stato rapidissimo sia in ingresso che nel cambio moto e nella ripartenza, per un tempo totale di 1’37”707, due decimi meno di Marquez e sette decimi meno del vincitore Lorenzo, velocissimo nel cambio e in uscita, ma forse un po’ troppo cauto in ingresso. Seguono altri due italiani: Dovizioso, a dimostrazione del gran lavoro fatto nel box Ducati, e Danilo Petrucci.

Più lenti sono risultati Rossi, Bautista e Crutchlow, vicini per tutta la gara e autori praticamente dello stesso tempo di sosta, con Valentino che nel pit-stop è però riuscito a sopravanzare sia lo spagnolo che l’inglese.

Voi come avete vissuto la novità? I pit-stop potrebbero, perché no, avere un futuro in MotoGp, oppure meglio lasciarli alle quattro ruote?

La classifica dei tempi del pit-stop:

HAYDEN – 53”150 + 44”038 = 1’37”188

PEDROSA – 52”133 + 45”271 = 1’37”404

SCASSA – 52”654 + 45”053 = 1’37”707

MARQUEZ – 52”379 + 45”533 = 1’37”912

LORENZO – 54”151 + 44”181 = 1’38”332

DOVIZIOSO – 53”674 + 45”304 = 1’38”978

PETRUCCI – 54”254 – 44”814 = 1’39”068

ESPARGARO’ – 53”824 + 45”424 = 1’39”248

DE PUNIET – 54”071 + 45”185 = 1’39”256

BARBERA – 54”145 + 45”807 = 1’39”952

ROSSI – 54”404 + 45”660 = 1’40”064

BAUTISTA – 54”429 + 45”659 = 1’40”088

CRUTCHLOW – 54”964 + 45”507 = 1’40”471

IANNONE – 55”342 + 45”342 = 1’40”684

PESEK – 54”665 + 46”298 = 1’40”963

AOYAMA – 54”819 + 46”507 = 1’41”326

CORTI – 55”095 + 46”314 = 1’41”409

SMITH – 55”771 + 45”735 = 1’41”506

HERNANDEZ – 56”140 + 45”618 = 1’41”758

EDWARDS – 57”312 + 46”666 = 1’43”978

Comments (2)

Grande Luca

https://www.youtube.com/watch?v=LoFw8zpYmag

La tecnica di Scassa è stata la più intelligente e tra l’altro è quella che ha creato meno rischi per la sicurezza dei meccanici.
Bravi!

Post a comment


Please type the characters of this captcha image in the input box

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input